Loading...

Digitalizzare la filiera agroalimentare: ecco come.

Aumento demografico, crisi idrica, cambiamenti climatici. Siamo pronti per le sfide dell’agricoltura 4.0!

Il mondo dell’agricoltura sta cambiando. La crescita della popolazione globale, i mutamenti climatici, la crisi idrica e il progressivo impoverimento della produttività dei terreni sono solo alcune delle criticità che il settore primario deve saper affrontare. L’agricoltura deve essere in grado di sostenere da un lato aumento della domanda di cibo, che si stima potrà crescere entro il 2050 anche del 70%, e dall’altro saper gestire una situazione climatica e geologica del tutto nuova.

La risposta alle esigenze di questo settore arriva, ancora una volta, dall’innovazione tecnologica. Attraverso la digitalizzazione sarà infatti possibile aumentare le prestazioni delle singole coltivazioni arrivando a sostenere le necessità del mercato. Processi,tecnologie e soluzioni 4.0 rappresentano una possibilità concreta di crescita.

Proprio in questa direzione si sta muovendo FasterNet, che ha di recente avviato una collaborazione con Coldiretti, Condifesa, InnexHUB, A2A Smart City, COBO e CSMT per digitalizzare le imprese agricole. L’accordo prevede una fase pilota che riguarderà le imprese vitivinicole e olivicole, e si pone come obiettivo quello di sensorizzare i mezzi agricoli e i campi in modo da raccogliere dati e informazioni che potranno essere analizzati e interpretati per ottenere un valido sostegno al lavoro dell’uomo.

Il progetto di FasterNet è quello di ampliare la prospettiva 4.0 su settori economici che fino a poco tempo fa erano ancorati a metodologie di lavoro più tradizionali, con l’obiettivo di diffondere la cultura digitale e di migliorare le condizioni di lavoro e di vita delle persone.

2018-11-16T16:57:32+02:00